RICORDARE LOMBARDONE

RIASSUNTO

L’Autrice descrive l’esperienza di lavoro insieme a MLR nella Neuropsichiatria infantile di fine anni Settanta e inizio anni Ottanta. Ricorda le riunioni in reparto da lui gestite, gli animati confronti sui casi clinici e la necessaria formazione per iniziare a costruire un dispositivo di cura per adolescenti difficili. Racconta, non trascurando il lato umano di MLR, le tante discussioni su tutto quel che sperimentavano a livello clinico per concretizzare prevenzione, cura e riabilitazione con gli
adolescenti.

Parole chiave: Gruppo; cura; adolescenti difficili; formazione; supervisione; casa famiglia.

SUMMARY

Remembering «Lombard one». The Author describes her work experience with MLR within the Child Neuropsychiatry unit, at the end of the 70s and the beginning of the 80s. She recollects the ward meetings he supervised lively confrontations on clinal cases and the training to start creating a treatment device for difficult adolescents. Without neglecting MLR’s human side, she mentions the many discussions about all that was experienced in the clinical field in order to make the prevention, care and rehabilitation of adolescents poossible.

Key words: Group; care; difficult adolescents; training; supervision; family- like structures.