PERVERSIONE IN ADOLESCENZA: UNA SECONDA CHANCE?

di Maria Katiuscia Zerbi

 

RIASSUNTO

L’Autrice propone una breve disamina dei contributi proposti sul tema della perversione in adolescenza da Freud, Novelletto e Cabré. Facendo riferimento alle teorie che provano a indagare i fattori che sembrano centrali nello sviluppo dell’organizzazione perversa propone una breve vignetta clinica esemplificativa di una condotta perversa in adolescenza in cui la sessualizzazione, la seduzione e l’inefficienza dello schermo protettivo generano una condizione di sofferenza e rischio nella paziente. Allo stesso modo il lavoro si interroga su quanto il momento dell’adolescenza in cui si verificano tali condotte non possa rappresentare (per merito della fecondità delle trasformazioni in atto) una seconda chance per la rielaborazione di traumi infantili che potrebbero cristallizzarsi, se non trattati, e condurre a una strutturazione del sintomo in età adulta.

Parole chiave: Adolescenza; perversione; trauma; seduzione; potenzialità.

SUMMARY

Perversion in adolescence: a second chance? The Author discusses a clinical example by referring to the developing factors of a perverse organization in adolescence: sexualization, seduction and the inadequacy of the protective screen generate a condition of suffering and risk inside the patient. The article also points out how adolescence (due to the fertility of its ongoing transformations) could be a second chance for a reworked version of early trauma that might instead crystallize if not treated and might lead to a symptom structuring in adulthood.

Key words: Adolescence; perversion; trauma; seduction; potential.

Il materiale clinico non consente la vendita online di questo articolo.

Vi invitiamo a contattare la nostra segreteria alla mail aep@associazionearpad.it per verificare, qualora interessati, la possibilità di acquisto del numero cartaceo della rivista che lo contiene.

PERVERSIONE IN ADOLESCENZA: UNA SECONDA CHANCE?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin