LA DIFFICILE CONQUISTA DELLA FEMMINILITÀ

5.00

Di Maurizio Cottone

 

RIASSUNTO

Viene presentato il caso di una ragazza di ventuno anni, seguita per quattro anni a tre sedute settimanali, dopo ripetuti ricoveri in ospedale psichiatrico per tentativi di suicidio. Il lavoro verte sulla faticosa costruzione di uno spazio di pensabilità condiviso con una paziente borderline grave. Il ruolo ipereccitante e intrusivo dell’oggetto, il fallimento della funzione paraeccitatoria, il prevalere dell’attacco al legame sul legame stesso, metteranno a dura prova il giovane psicoterapeuta.

Parole chiave: Paziente grave; ricovero psichiatrico; controtransfert; pensabilità; tentato suicidio.

SUMMARY

A Girl’s Hard Path to Subjectivation. This case concerns a twenty- one-year-old girl who was in psychotherapy for three weekly sessions for four years, after repeated treatments in psychiatric hospital, for attempted suicide. This paper deals with the difficult construction of a safe place to share with this serious borderline patient. The overexciting and intrusive role of the object, the failure of the protective shield, the prevalence of attacks on all affective bonds, put the psychotherapeutic experience to the limit.

Key words: Serious borderline patient; psychiatric hospitalization; countertransference; thinkability; attempted suicide.

LA DIFFICILE CONQUISTA DELLA FEMMINILITÀ

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin