CLINICA DEL VIRTUALE. FANTASTICARE, SOGNARE O IMMAGINARE

5.00

Di Serge Tisseron

 

RIASSUNTO

L’Autore riprende la distinzione stabilita da Winnicott tra le tre forme di attività rappresentativa (fantasticare, sognare e immaginare) e dimostra come essa permetta di stabilire una tipologia di modalità di giocare ai videogiochi. Questi tre diversi modi di giocare si differenziano sia per la modalità di investimento sugli oggetti presenti sullo schermo sia per la modalità con la quale il giocatore si relaziona con i suoi oggetti interni. Tale modello proposto dall’Autore rompe con quello della dipendenza, definendo un approccio clinico e terapeutico per le diverse categorie di giocatori.

Parole chiave: Fantasma; fantasticare; sogno; immaginazione; videogioco; dipendenza.

SUMMARY

Clinical work with the virtual: daydreaming, dreaming and imagining. The author goes back to the distinction Winnicott made between three forms of representational activity (daydreaming, dreaming and imagining) and shows that this distinction helps to establish a typology of ways of playing video games. These three ways of gaming differ both in the way-object shown on a screen are invested and in the way the gamer relates to his internal objects. This model breaks with that of addiction while laying the groundwork for a clinical and therapeutic approach to different categories of video game players.

Key words: Fantasy; daydream; dream; imagination; video game; addiction.

CLINICA DEL VIRTUALE. FANTASTICARE, SOGNARE O IMMAGINARE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin