MENTI ADOLESCENTI «ATTRAVERSATE» DAL MONDO DIGITALE

RIASSUNTO
In questo lavoro gli Autori si propongono di esplorare come le tematiche intrapsichiche degli adolescenti si siano modificate con il cambiamento perpetuo degli strumenti tecnologici di comunicazione. Il quale è divenuto così repentino da rendere inafferrabile l’attuale sia nel nostro relazionarci con il paziente adolescente sia nel rapporto dello stesso con la sua soggettivazione. In tale panorama si affaccia il rischio di mettere in scacco il ruolo dell’adulto e di un’eredità verticale dell’esperienza a favore di un apprendimento orizzontale tramite la fruizione del web, fonte inesauribile di risposte a portata di click. Nel proprio processo di soggettivazione l’adolescente è alle prese con la strutturazione della propria identità cercando di costruirsi un’immagine anche e soprattutto tramite il virtuale utilizzando social networks e videogiochi come veicoli identitari.
Il ruolo della gruppalità nella validazione dell’individuo e nel fornire un senso di appartenenza viene anch’esso modificato radicalmente, il gruppo non è più definito dalle esperienze reali condivise, ma dai contenuti «condivisi» sui social networks come esplicitato dalla vignetta clinica.


Parole chiave: Gruppo adolescente; digitale; identità virtuale; social networks; soggettivazione.


SUMMARY
Adolescent minds «crossing» by the digital world: a group perspective. This paper explores how intra-psychic themes of adolescents changed over time following the never ending technological developments. Those changes appear to be so fast that it is becoming hard to relate to the adolescent patient in the clinical setting. In this context, the risk of intergenerational divide is discussed: more often a «vertical» transmission of experience is interrupted in favour of a more «horizontal process» where all answers are thought to be available online. The adolescent dealing with his/her own subjectification process is trying to structure a personal identity through the use of the web, social media and videogames. In this process, the role of group providing the individual with a sense of belonging appears to be radically changed: the group is not defined by the experiencing of real life situations, but rather by «sharing» virtual contents on the internet. A clinical vignette is presented in support of this claim.

Key words: Adolescent group; digital; virtual identity; social networks; subjectification.